Vai direttamente ai contenuti della pagina
Caprino Città d'Arte
 
sabato 23 marzo 2019

*** MENU VOCI PRINCIPALI ***


 
Sei in: Home ->  Turismo e ricettività  ->  Cosa vedere  ->  San Martino nell'omonima contrada 


Chiesa di San Martino nell'omonima contrada


UBICAZIONE: la chiesa di S. Martino si trova presso l’omonima contrada di S. Martino, un paio di km dal centro di Caprino. La facciata, ora nascosta dall’abitazione civile addossata, era rivolta ad ovest.
 


CENNI STORICI: la chiesa, opera affine a quella di S. Cristina a Ceredello, vanta una discreta documentazione fin dal secolo XIII: in un documento del 1228 si legge infatti “in loco Sancti Martini”, in un altro del 1278 insieme alla località è espressamente nominata anche la chiesa con i beni di pertinenza.
La chiesa potrebbe risalire addirittura ad un periodo ben più remoto, in corrispondenza cioè della massiccia introduzione del culto di S. Martino di Tours, culto indubbiamente di origine franca.
Nel corso del XVI secolo, l’edificio, che già nel 1530 era conosciuto come cappella sotto il giuspatronato di Girolamo Montagna e nel 1567 come comunale ed infine nel 1595 ancora dei Montagna, fu oggetto di più interventi che dovettero modificarne l’aspetto originario.
Nel 1540 venne restaurato il paliotto dell’altare della cappelletta laterale di settentrione dedicato a S. Antonio di Padova. Ma la facciata, fino al 1550, era ancora libera, dato che il vescovo visitatore ordinava di mettere le spere alle finestre, vetro od altro. La facciata era comunque destinata a sparire ben presto, dato che nel 1605 veniva dato ordine di chiudere le finestre sulla parete verso la casa di modo che attraverso questa non si potesse guardare nella chiesa.
Nel 1710 verrà fatta chiudere anche la porta mediante la quale si accedeva allora alla piccola casa contigua. Nel secolo XVIII furono effettuati dei restauri e nell’occasione si può ipotizzare la costruzione del piccolo campanile tuttora svettante sul lato meridionale.
Attualmente la chiesa è di proprietà privata, ma adempie ancora alle sue funzioni di culto specie durante la recita del Rosario nel mese di maggio e durante le celebrazioni della festa del patrono della contrada, appunto S. Martino (11 novembre).


Torna alla pagina precedente
 

*** INDIRIZZI ***